Crea sito

«Dopo tanti anni di attività nel settore arredo-farmacia ho voluto “levare gli ormeggi” per verificare una rotta verso il futuro che ancora non c’è»   Per farlo, mi sono impegnato in una sorta di “Anatomia Percettiva” un’analisi dove la percezione privata si differenzia dalla percettività sociale.                                                                                                                   L’incremento delle vendite e la solidità pubblicitaria non sono necessariamente termini di successo ma generano spesso “pensiero ingannevole”. Albert Einstein diceva: «Penso 99 volte e non trovo niente, smetto di pensare, nuoto nel silenzio e la verità mi arriva»      Il mio tempo, sono i miei pensieri, direi io, ma ascoltate il giovane Andrea Barin, musicista e docente di musica, in alcuni stralci di un breve saggio on line intitolato:

“La Mente Associativa è la Mente Percettiva”

«Ecco come nasce l’arte e l’espressione artistica: un filo diretto con la nostra mente percettiva, la critica dell’arte è puro esercizio dialettico, è la mente associativa che riconosce se stessa e manifesta la propria impotenza di fronte all’espressione della mente percettiva tentando di riportare tutto su un piano associativo»                                                                                                  Un esempio su tutti: come si può studiare Storia dell’Arte a scuola e ridurla ad una semplice enunciazione e analisi di opere? La storia dell’Arte dovrebbe essere studiata come la chimica in laboratorio, gite ed escursioni per assaporare il gusto della mente percettiva all’opera.        Lo studio senza applicazione pratica è solo un esercizio della mente associativa ma non è nulla di reale.

registro di una mente associativa

                                                                                              Anche in medicina: la mente associativa cura il sintomo attraverso un procedimento logico (perché può solo seguire protocolli), mentre la mente percettiva può individuare la vera causa, ma questo modus operandi non è accettato dall’ordine costituito (che è a sua volta un prodotto della mente associativa).

I nostri consumi sono pilotati sulla base di un soddisfacimento mentale, piuttosto che di un reale soddisfacimento fisico: mangio quella cosa perché mi renderà più felice, più forte, più bello, più cool. Questo è il principio della pubblicità, altrimenti come farebbe a farci piacere un cibo senza farcelo assaggiare? Ve lo siete mai chiesto?

Ed è così che il vascello dei miei interessi percorre la rotta di nuove metodologie, di percorsi alternativi, fatti di analisi e soluzioni che trovano Scrum Italia e il brevetto RINOVAZIO. Una concreta possibilità di approdare ad un futuro alternativo. Un sistema organizzativo di grande capacità, coinvolgente e per “tutti, condivisibile su ogni tipo di supporto multimediale.

• Vuoi scoprire quanta “amara terra” si è depositata nella tua attività?

• Vuoi fare il tuo punto macchina, un’analisi gratuita dei tuoi punti di forza e di quelli                     insostenibili della tua azienda, della tua Farmacia?

• Qual è la tua identità sociale? E poi…funziona in questo momento del mercato?

• Hai difficoltà a tenere il “passo?

• I tuoi margini di guadagno si assottigliano sempre più?

• Hai necessità di riappropriarti della tua identità professionale?

• Vuoi vedere campi inesplorati della tua vendita ramificata?

• Vuoi ottenere risultati efficaci nel più breve tempo possibile?

• Vuoi definire un luogo di lavoro dove ogni componente del tuo personale sia sempre in                contatto con te?

• Vuoi che il tuo cliente sia in contatto diretto per avere un continuo consiglio                                   farmaceutico?

Ogni professionista della salute e del benessere potrà interfacciarsi con te per una preparazione galenica, per un consiglio di medicina integrata, per una indicazione Nutraceutica integrativa;trasformando tutti i suoi clienti in tuoi clienti?                                                                        È per questo che si stanno generando, in forma del tutto autonoma, una catena a rete di Professionisti, con indiscusse capacità progettuali. Stanno nascendo partnership tra Scrum Italia e Solman Group, società che si propone come Star up innovativa di un sistema per abbattere i costi fissi dal 30% garantito al 50%.

Occorre ritornare a sognare, come facevano i nostri padri dopo la guerra, guardare al futuro con un raggio d’azione a 360°.  Capire le nuove tecnologie, sapere che quello che oggi è in grado di fare un pizzaiolo, lo saprà fare anche un robot ad una velocità maggiore.

Ma un robot non saprà organizzare un’opera d’Arte, non potrà utilizzare la mente reattiva, “ragionare di pancia”, intuire, avere una mente percettiva, potrà solo ripetere funzioni associative.  Protagonista assoluto rimane l’uomo, siamo noi gli sviluppatori di sogni, siamo noi gli abitanti del nostro futuro con l’unica condizione di non lasciarci omologare.

Designer creativi come descritto in questo link:                     http://www.onicedesign.it/2015/08/che-cose-il-design/

E allora? Questa è l’ora dove anche Tu ridisegni il tuo lavoro, dove Tu sei “farmacista” protagonista del tuo sapere. Immagina, immagina una Farmacia dell’uomo e non per l’uomo. Un luogo dove la comunicazione utilizza i canali del benessere percepito in ogni sua forma e con tutti i sensi, non solo con immagini propinate da case farmaceutiche. La tua farmacia dove la lista delle controindicazioni ha la dimensione di una riga “AVVERTENZE”.

Sei invitato all’Open Day di Scrum Italia, contattaci per ricevere informazioni sulle date e gli orari.

QUALE FARMACO PER CURARE IL FUTURO DELLE FARMACIE
 
The following two tabs change content below.
Architetto| | Direttore Scrum Italia Med | Titolare ART MARè

Ultimi post di Antonio Marchesi (vedi tutti)